Visage à trois #1 : maschera per pelle problematica - TURBLISS

Visage à trois #1 : maschera per pelle problematica – TURBLISS 16


Lady Francine condivide la sorte dell’iberica cugina, Donna Francisca.

Nel suo triangolo amoroso però, a dover essere conquistato in una lotta sanguigna, ma molto elegante, come da doveroso aplomb britannico, è il viso.

Un viso che necessita di amorevoli cure e attenzioni, avendo trascorso anni bui e difficili che lo hanno portato ad una sensibilità davvero marcata, marcata almeno quanto l’urgenza di trovare l’efficacia di cui ha disperatamente bisogno.

Non sono mancati dei precedenti tentativi LA, LI’, QUI e QUA , un pizzico di spontanea curiosità e un po’ di incoscienza sono il motivo per cui Lady Francine ha iniziato il suo cammino.

Il primo ad averla incrociata, è stato Sir Arthur (interpretato dalla maschera TURBLISS).

E questo, è l’inizio di una nuova storia.Un giorno, cara mediaset, mi spiegherai perchè diavolo di motivo non ho uno spazio mio.

Cioè, si chiamano SOAP opera, chi più di me è adatta a parlare di e col sapone??

Robe da matti….

Meno male che c’è Turbliss, dall’Estonia con amore!

IMG_3822-min

I cosmetici del marchio Turbliss sono composti da pochi (ma buoni) ingredienti, in cui tra tutti spicca la torba, un concentrato semplice, naturale e selvaggio di elementi preziosi per il benessere della pelle.

E’ ricchissima di sostanze che stimolano il rinnovamento cellulare, riequilibrano la produzione di sebo e migliorano lo stato della pelle, combattendo impurità ed acne.

Io ho scelto di acquistare la versione per pelli problematiche, che è dedicata a chi desidera combattere infezioni, pori dilatati o soffre di psoriasi o eczemi.

La si può trovare in due diversi formati : 60 ml o 180 ml, io ho preferito acquistare la versione da 60 ml perchè la presi appena uscita, ed essendo un prodotto nuovo volevo testarne l’efficacia prima di investire dei soldi in un barattolone piuttosto imponente.

Se ti interessa la puoi acquistare schiacciando QUA, il costo attualmente è di 16,15 € per la versione da 60 ml, mentre 25,50 € per il barattolo da 180 ml.

E’ indubbio che la versione da 180 ml sia ben più conveniente, ma trovo utile la scelta del formato minore, è un ottimo modo per non dover abbandonare la maschera in viaggio, e ti permette di poter testare varie tipologie di prodotto senza dover impiegare epoche storiche per smaltirli.

Ed in ogni caso, sto puntando ad acquistare una catena di Hotel 28 stelle a Dubai, perciò sostienimi anche tu utilizzando il codice UNTHEPERTE per i tuoi acquisti.

Facciamo due rapidi conticini, considerando che  la versione da 60 ml copre circa 12 applicazioni (sull’intero viso, ovviamente di più se tratti solo una parte, come la zona T o le guance) :

  • 60 ML   = circa 12 applicazioni ——> 1,34 € a maschera
  • 180 ML = circa 36 applicazioni ——> 0,71 € a maschera

Non male, vero?

La maschera ha un color cioccolato veramente intenso e una fragranza naturale che personalmente mi ricorda i fondi di caffè e la terra umida, non è per nulla fastidioso, anzi sembra un po’ il sottobosco dopo una pioggia.
Si applica con le mani o un pennello, avendo cura di creare uno strato non eccessivamente sottile, è semplice valutare se è troppo poco il prodotto, la pelle deve essere di un intenso color caffè e non color cannella.

Ovunque, ovunque nel barattolo e nella scatola è scritto di : NON FARLA ASCIUGARE SUL VISO.
Ho visto varie testimonianze sul web di visi di un rosso che neanche al festival dello schiaffo fetish, e quindi mi sono chiesta, ma sono io fortunata che non ho avuto mezzo arrossamento nonostante la mia sensibilità?

Per il bene della patria, ho fatto una semplice prova, ho lasciato che si asciugasse la maschera sulla punta del naso, quando l’ho sciacquata era effettivamente arrossato.
Diciamo che per qualche minuto sono stata la Patch Adams dei poveri, finchè il rossore non è svanito senza conseguenze.

Ma questo significa che, seguendo le istruzioni, il prodotto è davvero molto delicato, io ho un viso reattivo e ho tenuto in posa la maschera sia per 5 minuti (tempo consigliato per le pelli sensibili), sia per 10 minuti, ed in nessuno dei due casi ho avuto fastidi, pizzicore o rossore.

Applicarla prima della doccia è comodo, il vapore evita che si secchi sul viso, ma puoi scegliere di utilizzarla spruzzando un po’ d’acqua o degli idrolati, prima che si asciughi troppo.

Ciò che mi è piaciuto veramente tanto di questa maschera, è il modo in cui la pelle reagisce; con le maschere all’argilla o a base di erbe e argilla, si nota da subito un miglioramento della grana, soprattutto sui pori che diminuiscono sensibilmente, ma almeno per me, questo è comunque un effetto che dura poco e non si mantiene nel tempo, a meno che non faccia una maschera al giorno, cosa che però stresserebbe orribilmente la mia facciona, facendola diventare risorgiva di sebo.
La cosa bella della maschera Turbliss invece, è proprio il modo in cui agisce e lavora sul lungo termine, mano a mano che procedi con le applicazioni noterai una pelle sempre più radiosa, la diminuzione delle infiammazioni e dei brufoli, ma soprattutto una morbidezza pazzesca, che a confronto coi culetti dei bimbi ci svernici i balconi….

Inizialmente temevo un po’ in un buco nell’acqua, non avendo visto da subito un miglioramento così tangibile stavo quasi per abbattermi, ma con la costanza nell’uso ho notato che la pelle migliora, posso fare una applicazione a settimana, ogni 10 giorni, oppure addirittura applicarla 3 volte a settimana senza che questo influisca negativamente sulla pelle.

E diciamocelo, è fichissimo.

Non sempre si ha il tempo, la voglia, la costanza di impiastricciarsi la faccia, un prodotto che ti permette di raggiungere risultati non solo oggi, e fra 15 giorni hai di nuovo dei crateri lunari sulle guance, ma che col tempo migliora in profondità il viso, è davvero il massimo che si può desiderare.

Una delle cose che sento di segnalarti, è che può macchiare, essendo naturalmente un composto molto scuro come si vede dalla foto, può capitare che lasci un po’ di colore sulle setole del pennello, o che macchi degli asciugamani bianchi/chiari, perciò se sei solita utilizzare dei dischetti lavabili per lo struccaggio o hai pennelli e asciugamani preziosi, tieni conto di questo fattore.

Questo è il suo INCI:

IMG_3809-min

Balneological Peat**, pelargonium graveolens flower water*, hamamelis virginiana distillate*, anthemis nobilis flower water*, citric acid, aqua (and) sodium benzoate (and) potassium sorbate, phenoxyethanol (and) ethylhexylglycerin. (*= da agricoltura biologica) (**= dalla natura)

La base è appunto la torba (Balneological Peat) caratteristica dell’intera linea, arricchita di idrolati come quello di geranio, hamamelis e camomilla romana (pelargonium graveolens flower water, hamamelis virginiana distillate, anthemis nobilis flower water) che hanno funzioni riequilibranti, lenitive e calmanti.

Adorabile il tocco personale dell’etichetta, ogni confezione riporta il numero di lotto e la scadenza scritti a mano, e questo mi piace perchè non mi fa pensare ad una produzione esclusivamente di massa, bensì ad una attenzione oculata rivolta ad ogni singolo prodotto che lascia la casa madre.

Io sono rimasta piacevolmente colpita da questo prodotto, lo ammetto, anzi non escludo affatto di acquistare delle varianti e trattare in maniera specifica le zone del viso, magari potrei pensare di valutare quella anti-age dedicata alle pelli mat…ma…matu…non ce la faccio…Diciamo quella specifica per le pelli diversamente giovani.

Oh non lo buttare il vasetto, eh???

L’etichetta è deliziosa, un campo estivo di papaveri e fiordalisi che diventerà un contenitore veramente versatile dove puoi tenere i cotton-fioc o i dischetti di cotone, le matite oppure, come me, personalizzare il tutto e renderlo un piccolo giardino da regalare o regalarsi.

Qua, non si butta via niente.

IMG_3902

IMG_3899

Il vasetto e la piantina hanno creato un’ombra a forma di orsetto, non dirmi che stai ancora resistendo? 😀

Conosci i prodotti Turbliss? Ne hai già utilizzato qualcuno?

Ciao!
Francesca


Rispondi

16 commenti su “Visage à trois #1 : maschera per pelle problematica – TURBLISS

    • Visage à trois #1 : maschera per pelle problematica - TURBLISS Francesca L'autore dell'articolo

      Sei sempre troppo buona Serena, guarda che se poi mi abituo sono ca….cchi tuoi eh? tocca che ti complimenti ogni volta… 😉

  • Visage à trois #1 : maschera per pelle problematica - TURBLISS ClaudiaVampireFlower

    Con una formula così mi sa che è il caso di usare un pennello, per evitare che le dita ciuccino gli attivi 😀 !
    Adoro i vasetti da riutilizzare *-*

    • Visage à trois #1 : maschera per pelle problematica - TURBLISS Francesca L'autore dell'articolo

      Io l’ho stesa con un pregiatissimo pennello di quelli dei bambini da 0,40 centesimi….è molto comodo però per le persone serie, che hanno quei pennelli fighissimi in puro platino e setole di unicorno, sarebbe un peccato perchè è una maschera veramente scurissima e un pochetto macchia….
      Il vasetto piccolo con la piantina piccola, ma vasetto grande…sarà un piccolo giardinetto zen!!

        • Visage à trois #1 : maschera per pelle problematica - TURBLISS Francesca L'autore dell'articolo

          Claudia….you are a genius.
          La spatola è perfetta per la consistenza di questa maschera.
          Inoltre, è un motivo ottimo per mangiare stecchi gelato come se non ci fosse un domani.
          Soprattutto quelli al cioccolato fondente, con le mandorle.
          😀

  • Visage à trois #1 : maschera per pelle problematica - TURBLISS AleB.

    Mi è sembrata tanto una puntata di Downton Abbey 😍 quindi inizio con il ringraziarti per avermi ricordato l’atmosfera Inglese di fine ‘800! Parlando del prodotto… visto che si sta avvicinando il periodo della spesa online per i prodotti viso penso che lo comprerò. Perché alla mezzanotte del mio venticinquesimo compleanno, come d’incanto, i miei pori sono diventati dei crateri 😭😭 quindi è un po’ di tempo che sto cercando una maschera che possa mitigare il problema per più di due minuti 😁😁

    • Visage à trois #1 : maschera per pelle problematica - TURBLISS Francesca L'autore dell'articolo

      Cara Milady, non posso che porgerle i miei più sentiti ringraziamenti per codeste delicate e giuoiuose parole…
      25 anni hai detto? Non parlerò, ignorando brutalmente ciò che tenta di dirmi la mia carta d’identità, ad ogni modo c’è una versione dedicata proprio alla pelle giovane è la maschera “KLAAR”, potresti provare quella che è specifica e magari alternarla a questa così agisci su più fronti, a me l’effetto pelle morbida è piaciuto da pazzi, conto di riacquistarla a breve <3 !

  • Visage à trois #1 : maschera per pelle problematica - TURBLISS stravagaria

    Sei stata precisissima, molto dettagliata e mi è venuta voglia di provarla…
    e poi ridere fa bene e quanto sono arrivata al punto in cui parli di sverniciare i balconi…😂 Buona giornata!

    • Visage à trois #1 : maschera per pelle problematica - TURBLISS Francesca L'autore dell'articolo

      Mi ci sono avvicinata un pò a passi felpati, devo ammetterlo, ma con l’uso ha saputo stupirmi, credo che proverò qualche altra variante magari nella confezione grande che è più conveniente, sia mai che la costanza mi ristabilisca un pò d’ordine in faccia 😀
      Sempre troppo buona tu, ma sul ridere sono assolutissimamente d’accordo 😉

      • Visage à trois #1 : maschera per pelle problematica - TURBLISS Francesca L'autore dell'articolo

        Devo pur cercare di combattere la mia bruttezza con un pò di ironia, o sono spacciata! 😀 😀 😀