Sapone lavanda, limone e rosmarino / cioccolato e latte di cocco : FUNKY SOAP

Sapone lavanda, limone e rosmarino / cioccolato e latte di cocco : FUNKY SOAP 16


Coscienza : NON CI POSSO CREDERE, ANCORA SAPONETTE??????
Francesca : No, guarda che stavolta non è colpa mia, il sapone mi ha sorriso, non potevo lasciarlo lì da solo….
Coscienza : Ma sei cretina? Che vuol dire ti ha sorriso, hai pure le allucinazioni ora?
Francesca : Te lo giuro, guarda :

Coscienza : Pronto, ufficio di collocamento?
E’ ancora libero quel posto per addestratore di dinosauri? Vorrei candidarmi, disponibile da subito.

Fammi una cortesia, sostienimi anche tu in questa battaglia con Coscienza perchè non so più da che parte sbattere la testa.
Ti pare una cosa saggia e cortese abbandonare a sè stessa una saponetta che ti pianta quegli occhi addosso?
Io veramente sono allibita e senza parole, mi chiedo con quale cuore e coraggio avrei potuto ignorare un tale segnale, che palesava una ovvia  e disperata richiesta d’aiuto.

E così, non potendomi esimere assolutamente dal mio essere gentile, ho deciso di portarmi a casa la saponetta lavanda e rosmarino.
Però visto che arrivava dall’Inghilterra, esclusivamente per non farla sentire sola nel viaggio, ho pensato di affiancarle qualche amico per affrontare la traversata, sicchè ho aggiunto anche una saponetta al cioccolato e latte di cocco (e anche dei burrocacao, tanto per non smentirmi mai…).

Partirò col raccontarti della saponetta che mi incuriosiva di più, e sulla quale sono andata anche piuttosto sicura visti gli ingredienti, ovvero la versione lavanda, limone e rosmarino, di cui ti riporto già l’inci, perchè qua non abbiamo mica tempo da perdere a fare i fagioli ripieni…

Saponified oils of coconut, sustainable palm, olive, castor, grapeseed, rapeseed, shea butter, wheat germ, apricot kernel, lavender and rosemary tea, lemon juice, lavender, rosemary & lemon essenzial oils, rosemary leaves.

La lista degli ingredienti è scritta in una maniera un po’ diversa da come sono abituata, ma contiene comunque ottimi ingredienti come l’olio di cocco (coconut), di palma (sustainable palm) da agricoltura sostenibile, di oliva (olive), di ricino (castor), di vinaccioli (grapeseed) e di colza (rapeseed), oltre a burro di karitè (shea butter), germe di grano (wheat germ) ed estratto di nocciolo d’albicocca (apricot kernel).

Una menzione d’onore va al fatto che gli idrolati contenuti siano menzionati come “lavender and rosemary tea” ovvero, alla lettera, the di lavanda e rosmarino.

Probabilmente questo è uno dei motivi principali che mi ha indotta all’acquisto….

A chiudere la composizione abbiamo anche il succo di limone (lemon juice), gli oli essenziali di lavanda, rosmarino e limone (lavender, rosemary & lemon essenzial oils) e le foglie essiccate di rosmarino (rosemary leaves).

Si vedono spuntare gli occhietti anche in questa foto, Coscienza è proprio senza cuore!

Se un po’ ti ricordi dei miei gusti e preferenze, di certo saprai quanto io sia fiduciosa nei confronti della lavanda, la amo e non c’è altro da aggiungere.
Ho scelto abbastanza ad occhi chiusi perchè, fin’ora, non mi è mai capitato di utilizzare una saponetta (dall’inci umano, s’intende) che contenesse lavanda e mi lasciasse indifferente, diciamo che neppure stavolta è capitato, ma avrei comunque alcune cosine non esattamente positive da dirti.

La prima cosa è quasi una ovvietà : il profumo.

Non scherzare con le mie narici saponetta, ti amo e ti rispetto ma se mi fai incazzare ti faccio sciogliere sotto la pioggia.

Direi che decisamente la profumazione non è il suo forte, anni luce dalla fragranza intensa, balsamica e naturale che si percepiva dai fiorellini secchi che vedi in foto (e la cui sniffatura seriale mi ha costretta ad impiegare quasi 3 ore per fare due foto come sepre pietose e storte…), direi che siamo piuttosto vicini invece a quel profumo erboso ed officinale che hanno alcuni idrolati.
Sinceramente non me la sento di dire che puzza, perchè non è così, ma non posso nemmeno dirti con leggerezza di aspettarti il tipico profumo provenzale dei campi di lavanda.

Diciamo che, a suo favore, la fragranza è piuttosto delicata e poco persistente, dunque ho abilmente aggirato l’ostacolo concentrandomi più sugli effetti sulla pelle, che non su cose di secondaria importanza come, appunto, il profumo.

Amo usare i saponi anche per il viso, per questo generalmente tendo a scegliere prodotti che possano essere adeguati alla mia pelle indecisa, ma tendenzialmente mista, sensibile e dalla reattività piuttosto accentuata.
Limone, lavanda e rosmarino sono tutti ingredienti davvero ottimi per gestire al meglio la pelle impura, e devo ammettere che non hanno affatto deluso le mie aspettative in questo bel mix.
Il sapone di suo non produce moltissima schiuma, ma ha un buon potere lavante che ho apprezzato sia da solo che con l’uso della spugna konjac di Lamazuna, che ti comunico essere ancora testardamente perfetta dopo ormai più di 5 mesi.
Nonostante riesca a pulire la pelle in profondità, è un detergente che sa essere anche molto delicato e rispettoso, tant’è che ho potuto utilizzarlo con costanza maniacale nei momenti di rissa ormonale, senza mai avere una lamentela sotto forma di arrossamento, squilibri nella produzione di sebo e quant’altro.

Chiaramente anche come banale sapone mani è ottimo, mi è piaciuto molto per rinfrescarmi le ascelle durante il giorno, contiene olio essenziale di lavanda, rosmarino e limone che hanno una buona componente antibatterica ed aiutano un tantino, sostenendo il lavoro dei deodoranti ecobio.

Una cosa che invece mi è piaciuta a livello estetico, ma sul piano pratico è qualcosa di veramente drammatico, sono stati i fiorellini di lavanda ed i pezzetti di rosmarino secco, impastati nel sapone ed applicati sopra.

Bellissimi da vedere, sia chiaro, un po’ meno belli quando ti sbrindellano pezzi di faccia random.

La cosa si risolve con molta semplicità, basta far schiumare la saponetta tra le mani anzichè strofinarla sul viso, ma sono rimasta un attimo interdetta al primo uso quando avevo l’impressione di lavarmi la faccia con la spugna dei piatti.

I pezzi sono tagliati e confezionati a mano in panetti di circa 120 gr, questa versione che io ho pagato all’epoca 3,90 €, costa attualmente 4,12 € e puoi acquistarla QUI.

Mi è piaciuto molto l’effetto sul viso, la pelle era piacevolmente pulita, ma non eccessivamente fino a raggiungere quel brutto effetto “pelle che tira”, ma mentirei se ti dicessi che è una saponetta assolutamente insostituibile, LI’ e LA’ ti ho parlato rispettivamente delle versioni alla lavanda di Tea Natura e Verdesativa, perciò è doveroso per me farti sapere che esistono anche ottime alternative, orgogliosamente nostrane.

Visto che siamo già di fronte alla foto complessiva posso dirti che si, hai ragione, quelle che vedi sulla tavoletta squisitamente fondente di cioccolato, sono le mie impronte.

Ho indugiato.

Molto.

Ma alla fine sono riuscita ad appoggiare i pezzi di cioccolato ed usarli per fare le foto.

Chiaramente, dopo le foto ho mangiato qualche quadratino, sono più che certa di essermelo meritato, sono una persona che ha bisogno di affetto, coccole, cocco e cioccolato.

La cioccolatosa versione non presenta pezzetti di alcun genere nè impastati, nè come decorazione del sapone, infatti l’utilizzo è risultato più agevole anche usando la saponetta direttamente sul viso o sulla parte da detergere.
Coi profumi non ho avuto grande fortuna stavolta, mi aspettavo una fragranza in stile cioccolatino Bounty o al limite come gli sferici Raffaello, ma questo sapone profuma di arancia e cannella con un lieve sentore di cacao nello sfondo.

Ottimo sia chiaro, anche perchè io e la cannella siamo una cosa sola, ma non esattamente la profumazione che mi sarei aspettata.
Ad ogni modo mi ha comunque sorpresa positivamente, perchè è una fragranza non invadente e molto naturale, profuma proprio di natale, benchè io consideri l’accoppiata cannella-arancia così rivitalizzante e gioiosa, da usarla durante tutto l’anno e oltre.

Vale la stessa considerazione che ho fatto per la versione alla lavanda, è un sapone che non produce quantità esagerate di schiuma, ma devi fare un minimo di attenzione perchè in questo caso il sapone è colorato con polvere di cacao, il che rende la schiumina di un color marrone-ruggine che potrebbe anche macchiare l’asciugamano, se non lo sciacqui bene o sei troppo di fretta.

L’ho provato con scarso successo sul viso, dopo aver tentato varie modalità di uso da solo, alternato ad altri saponi, alternato a saponi e gel, non ho riscontrato una risposta piacevole della mia pelle che si è trovata decisamente meglio con lavanda e rosmarino, non è successo nulla di irreparabile, giusto un po’ di accentuata lucidità sulla fronte, ma ho scelto di destinare questa saponetta esclusivamente alle mani e alle ascelle, sulle quali non mi ha dato problemi perchè ho ritrovato la stessa delicatezza del fratello lavanderino, che non secca oltre misura la pelle.

Questo è il suo INCI, dove puoi apprezzare ancor più da vicino le mie impronte dovute al dubbio amletico “appoggio, o mangio” :

Saponified oils of coconut, sustainable palm (greenpalm), olive, castor, grapeseed, rapeseed, almond, peach kernel, cocoa butter, shea butter, coconut milk, 70% cocoa chocolate, sweet orange and cinnamon essential oils.

Anche in questo caso la base sono sempre gli oli di cocco, palma sostenibile, oliva, ricino, vinaccioli e colza (coconut, sustainable palm, olive, castor, grapeseed, rapeseed), a cui si aggiungono stavolta anche l’olio di mandorla e l’estratto di nocciolo di pesca (almond, peach kernel).
Oltre al burro di karitè (shea butter), presente nella versione lavanda, questo sapone è arricchito anche con burro di cacao (cocoa butter), latte di cocco e cioccolato fondente (coconut milk, 70% cocoa chocolate), il tutto squisitamente profumato con oli essenziali di arancia e cannella (sweet orange and cinnamon essential oils).

Pure questa saponetta, del peso approssimativo di 120 gr è disponibile all’acquisto QUI, io l’ho pagata sempre 3,90 € ma ora vedo che il prezzo è lievitato tipo panettone, arrivando all’assurdo ed inspiegabile costo di 7,48 €.

Per carità, io non conosco le politiche che applica Amazon sulla gestione dei prezzi e non voglio star qui a discutere, ma il fatto che in circa 8 mesi il prezzo sia praticamente raddoppiato, un pochino mi ha lasciata perplessa, il sapone di suo è buono ma non credo che il costo attuale sia giustificato, te lo dico con sincerità.

AHHHHH che gioia invece per me parlare di saponette, scrivo sempre col sorriso sulle labbra, anche a te piacciono? Hai provato qualcosa di questo marchio?
Funky soap è un nome assurdo, tipicamente uno che avrei scelto anche io se avessi una azienda che produce sapone ed altri cosmetici.
Ma fallirei nel giro di un anno perchè me le terrei tutte le saponette….

In ogni caso, se ci sono altre versioni che hai provato o vuoi consigliarmi, sai che sono sempre più che ben predisposta all’acquisto di questi schiumosi mattoncini di felicità.

Grazie, ciao!
Francesca

 


Rispondi

16 commenti su “Sapone lavanda, limone e rosmarino / cioccolato e latte di cocco : FUNKY SOAP

  • Sapone lavanda, limone e rosmarino / cioccolato e latte di cocco : FUNKY SOAP Ale e Ale

    “Franciiiiiiiiiiii Franciiii ti sorridon le saponeeeetteeee” scusa non ho resistito!
    Per quanto trovo anche io esteticamente bellissima la saponetta con rosmarino e fiori di lavanda secchi non vorrei mai ritrovarmi a pensare di usare la spugna dei piatti per lavarmi! :O
    Comunque le foto sono stupende, si anche con le impronte digitali sul cioccolato! 😛

    • Sapone lavanda, limone e rosmarino / cioccolato e latte di cocco : FUNKY SOAP Francesca L'autore dell'articolo

      hhhahahahahahaah! La mia versione in una montagna di saponette è fantastica, perchè non ci ho mai pensato???
      Troppo gentile, le impronte sono proprio…un tocco di classe 😀

  • Sapone lavanda, limone e rosmarino / cioccolato e latte di cocco : FUNKY SOAP Romeo

    Mi ispira di più lavanda e rosmarino, piuttosto che cioccolato e cocco (che forse è un po’ troppo dolce, anche se dovrei provarlo) e concordo comunque con te che il prezzo mi pare un tantino alto. P.s. Devi dire alla tua coscienza che fa bene a rompere sempre anche con le saponette, che qui non ci si lava mai abbastanza 😉

    • Sapone lavanda, limone e rosmarino / cioccolato e latte di cocco : FUNKY SOAP Francesca L'autore dell'articolo

      A dire il vero la versione cioccolato è molto “tranquilla”, profuma pochissimo di cioccolato, prevale più arancio e cannella, cocco proprio non pervenuto….
      Io e coscienza spesso litighiamo, non siamo quasi mai d’accordo, ma mi tiene compagnia e alla fine ci vogliamo anche bene, non le dire che l’hai saputo da me ovviamente 😉

    • Sapone lavanda, limone e rosmarino / cioccolato e latte di cocco : FUNKY SOAP Francesca L'autore dell'articolo

      In questo caso diciamo che il profumo non è dei più naturali, però la saponetta si è salvata perchè almeno funziona bene sulla mia faccia astratta 😀

  • Sapone lavanda, limone e rosmarino / cioccolato e latte di cocco : FUNKY SOAP elisabettafvg

    Terrò presente il tuo consiglio “regali souvenir da Londra”, è una bella e utile idea al posto di magneti, tazze,… . Se anzichè all’Ovest vuoi fare un giro all’Est, ti consiglio la Slovenia con un buonissimo e profumatissimo Miele alla Lavanda! Bye bye o Nasvidenje !

    • Sapone lavanda, limone e rosmarino / cioccolato e latte di cocco : FUNKY SOAP Francesca L'autore dell'articolo

      Diciamo che è abbastanza difficile che io mi muova verso lidi sconosciuti molto distanti dal cancello di casa mia, ma il miele alla lavanda è qualcosa di eccellente, mi ricordo di averlo assaggiato ormai non so più quanti anni fa, ma è una vera prelibatezza!!!

  • Sapone lavanda, limone e rosmarino / cioccolato e latte di cocco : FUNKY SOAP cuoreruotante

    Prima della mia arringa per la difesa ho una domanda da porre alla mia assistita: gli occhietti e il sorriso sono presenti sulla saponetta o sono stati aggiunti dopo?

    • Sapone lavanda, limone e rosmarino / cioccolato e latte di cocco : FUNKY SOAP Francesca L'autore dell'articolo

      Questa conversazione rimarrà custodita come segreto professionale vero?
      Diciamo che gli occhietti li ho applicati io perchè mi faceva tantissima simpatia (e compagnia) la saponetta col sorriso…..
      😀

      • Sapone lavanda, limone e rosmarino / cioccolato e latte di cocco : FUNKY SOAP Cuoreruotante

        Hai agito quindi per il bene della saponetta che è un bene comune, quindi per il bene di tutti, dell’intera comunità, mondiale oserei dire. Coscienza mi spiace, ma il tuo disappunto non ha fondamenti seri come quelli di Francesca. La seduta è tolta 👋

        • Sapone lavanda, limone e rosmarino / cioccolato e latte di cocco : FUNKY SOAP Francesca L'autore dell'articolo

          Grazie, sono commossa, sapevo bene che potevo fidarmi di te.
          Coscienza? Incarta e porta via….
          😀

  • Sapone lavanda, limone e rosmarino / cioccolato e latte di cocco : FUNKY SOAP stravagaria

    Le saponette con fiorellini di lavanda sono belle a vedersi ma il fatto che poi ‘sti fiorellini intasino gli scarichi mi piace meno. Una volta ho usato una “bomba” effervescente per il bagno e ho passato due giorni a ripulire la vasca… mi son sempre chiesta come fanno quelle che riempiono l’acqua di petali e altre cosucce. Lo so, sono andata fuori tema 😁

    • Sapone lavanda, limone e rosmarino / cioccolato e latte di cocco : FUNKY SOAP Francesca L'autore dell'articolo

      E’ una domanda più che lecita invece, un po’ come capita con quei piatti super elaborati e pieni di decorazioni, bellissimi, ma non si sa da che parte iniziare e cosa mangiare!
      Io comunque credo che chi riempie la vasca di mille mila fiori, petali, foglie & co. sia armato di retino da usare post bagno, o quantomeno abbia una pompa ad immersione collegata con un tubo, che spara acqua petalata su tutto il vicinato, direttamente dalla finestra del bagno…

  • Sapone lavanda, limone e rosmarino / cioccolato e latte di cocco : FUNKY SOAP milesweetdiary

    Quindi buone ma con dei limiti. Devo dire che mi ispira per profumazione più la prima: richiama anche dei dolci che ho fatto 😉

    • Sapone lavanda, limone e rosmarino / cioccolato e latte di cocco : FUNKY SOAP Francesca L'autore dell'articolo

      Io ho una predilezione per le saponette, è davvero arduo che ne bocci qualcuna senza pietà, ma visto il costo che hanno al momento e le buone alternative disponibili, direi che è un marchio più che altro da tenere a mente se per caso si va in gita in Inghilterra, tornare a casa senza neanche un calzino ma con la valigia carica di saponette, è uno dei miei sogni più frequenti 😀