Saponetta artigianale "Petunia Soap" : EKLEKTIKA SAPO

Saponetta artigianale “Petunia Soap” : EKLEKTIKA SAPO 2


AAAHHHHHHHHH, ma quale modo migliore esiste per salutare un nuovo anno, se non quello di parlarti di una favolosa saponetta?

E’ una domanda retorica, lo segnalo solo per correttezza, NIENTE è meglio del parlare di saponette.

Oggi ho quindi deciso di regalarti una nuova e profumatissima opinione, sfruttando la spinta del fatto a mano in maniera artigianale che porto con me già dallo scorso articolo, perchè anche se non avrei creduto di riuscire ad ammetterlo, i social a volte (piuttosto raramente….) riservano qualche bella sorpresa, permettendoti di conoscere artigiani ed artisti dei quali altrimenti non avresti mai saputo nulla.

Questo è ciò che è capitato a me quando sono approdata nel colorato mondo di Eklektika Sapo, che mi ha facilmente e rapidamente conquistata visto e considerato che produce sapone, del bellissimo, magnifico sapone.
In verità è anche una persona deliziosa, simpatica e disponibile che mi ha scritto una emozionante lettera a mano ad accompagnare l’ordine che ho fatto qualche tempo fa, ma già solo producendo sapone aveva una quantità importante di punti apprezzamento.

La prima saponetta che ho scelto di provare tra quelle acquistate è stata lei, Petunia Soap, un tripudio di femminilità tutt’altro che scontata dove l’intensità dei colori brillanti si fonde con una fragranza che non ti aspetti ma che saprà stupirti.
Talco, tabacco e una nota fiorita” è la descrizione del profumo, io lo considero di sconfinata eleganza proprio grazie all’equilibrio che si è creato con il vigore legnoso ed aromatico del tabacco, in genere associato alla mascolinità, ma che insieme alle note delicate e rassicuranti del talco, unite ad un fondo fiorito per nulla sfacciato, trasforma il tutto in una fragranza ricca, complessa e completa che mi fa pensare ad una donna sicura di sè anche se dall’animo gentile e talvolta introverso, una specie di Emily Bronte in formato profumo in pratica.

Amo in maniera assolutamente indiscutibile i profumi, non posso fare a meno di associarli e sceglierli in funzione dei miei diversi stati d’animo, e questo è molto ricercato, una vera coccola per i miei sensi quando mi sento un po’ incupita, diventa un bell’abbraccio confortante come una coperta soffice che fa sparire per un attimo i pensieri.
Anche a te capita di rifugiarti nelle fragranze? Credimi, se sei alla ricerca di un prodotto che sappia regalarti un profumo raffinato e delicatamente persistente sulla pelle, non puoi davvero esimerti dal fare un giretto nello shop etsy di Eklektika Sapo e farti trasportare dalla magia di decorazioni, pattern studiati e creati a mano come solo una vera artista sa fare, ingredienti preziosi e profumi seducenti, anzi guarda, mi voglio rovinare e ti metto QUI il link, così l’unica fatica che dovrai fare è un click col mouse, poi dì che non sono gentile 😉

La saponetta non ti arriverà a casa così nuda, è confezionata in una scatolina di cartoncino decorato e personalizzato, accompagnata da un bigliettino che racconta la storia del sapone, entrando nel dettaglio della fragranza e del design, così se sceglierai di regalare questi piccoli capolavori, non ti rimarrà altro da fare che aspettare che te li consegni il postino.
Visto che io invece, presa dall’ebrezza di colori ed emozioni, ho dimenticato di fotografare la confezione, QUESTA è la pagina dedicata al Petunia Soap dove puoi vedere nel dettaglio lo scrigno magico che porterà a casa tua la meraviglia di questo sapone che, ovviamente, puoi acquistare al costo di 5,50 € dal negozio Etsy di Chiara, l’eclettica mente artistica che c’è dietro alla produzione di questa bellezza.

E quando ti parlo di BELLEZZA, intendo vera bellezza, take a look :

Lasciati trsportare e stupire da ogni singolo colore, sapientemente miscelato come un arcobaleno che si fa spazio in un cielo dai toni pastello, e se non ti basta la già deliziosa varietà di tonalità ecco che la presenza di sottile mica regala una brillantezza che va ad impreziosire ulteriormente questo rettangolino di gioia.

In parte (!!!) ammetto di essere tendenzialmente poco soggettiva quando si parla di saponette, ma penso che sia abbastanza improbabile non notare che siamo davvero di fronte ad una piccola grande opera d’arte.

Ho dimenticato di fotografare anche l’INCI, figuriamoci se i 3 neuroni che mi sono rimasti ci capiscono qualcosa quando sono al cospetto delle saponette, in ogni caso li trovi segnalati sia nelle descrizioni su Etsy, che nelle fascette in carta che avvolgono i saponi singolarmente, quindi in nessun caso acquisti ad occhi chiusi, se hai qualche dubbio puoi chiedere a Chiara che è sempre stata più che gentile nell’aiutarmi a scegliere i prodotti più adatti alle mie esigenze.
Petunia Soap è una versione vegan, la segnalazione della presenza di seta è un refuso quindi tranquilla, non serve che nessuno insorga per blasfemia vegana, è un piccolo errore in buona fede che non pregiudica in nessun modo la qualità e gli ingredienti, e questa è la sua composizione nel dettaglio:

olio di cocco, olio di oliva, olio di colza, olio di palma BIO, olio di ricino, olio di mancorla dolce, burro di cacao , NaOH (idrossido di sodio), acqua, tetrasodio etidronato, sodio citrato, miche minerali cosmetiche, Tio2 (biossido di titanio), fragranze per sapone.

Come puoi ben notare tutti i grassi contenuti nella formula sono vegetali e preziosi per la pelle, una cascata di oli dalle mille e una proprietà emollienti e nutrienti si uniscono al burro di cacao, per creare un sapone lussuoso e intensamente cremoso di cui riesci a percepire la morbidezza anche solo tenendolo in mano, a differenza della pasta secca e dura di molti saponi che puoi trovare a pochi centesimi nella grande distribuzione, lui è un vero re dalla texture solida ma non troppo, che strofinato leggermente tra le mani crea una schiuma ricca e cremosa, il cui colore varia leggermente ad ogni lavaggio mentre si consumano e mescolano gli strati di colore, una vera goduria per i sensi.
Proprio a causa della sua naturalità ha bisogno di essere messo a riposare in un posto asciutto, avendo cura di evitare i ristagni di umidità che sono molto dannosi in generale per le saponette, ancora di più per quelle che non sono impastate col cemento.

L’ho utilizzato con piacere sia sul corpo che sul viso, ho sofferto un po’ quando è terminato perchè la sua ricchezza oleosa lo avrebbe reso un prezioso alleato per tenere sotto controllo la pelle secca e sensibile a causa del freddo, credevo che la mia pelle mista avrebbe reagito da primadonna col ciclo come sempre, e invece non ho mai percepito la sensazione di pelle che tira o avuto degli squilibri nella produzione di sebo, nonostante questo ho scelto comunque di alternarlo ad altri detergenti in gel e schiuma specifici per il viso e per il mio tipo di pelle, va bene tutto ma è meglio non rischiare, ormai la conosco da quando sono nata e so bene che ha una tendenza piuttosto disfattista e vendicativa, dunque ho apprezzato i risultati cercando però di non svegliare il can che dorme….

Sinceramente mi sento di consigliartela vivamente anche per il corpo, è un prodotto riccamente schiumoso che ti basterà passare alcune volte sulla spugna per ottenere una vera crema lavante dal profumo intenso ed inebriante, con un bel risparmio di acqua perchè si sciacqua in maniera davvero rapida sia da te che dalla doccia/vasca senza lasciare residui, penso sia chiaro a tutti oramai che l’acqua è più preziosa dell’oro, dunque poter sfruttare prodotti che ne permettano un uso consapevole senza sprechi, mi sembra decisamente una scelta ottimale.
Il fatto che non sia un detergente aggressivo, non è comunque un motivo valido per evitare di utilizzare una crema o un burro corpo dopo la doccia, dai su è uno sforzo che puoi fare per il bene della tua pelle, sempre più aziende si sono accorte della pigrizia da massaggio e stanno proponendo formulazioni a rapido assorbimento o addirittura spray, così da alleviare anche lo sforzo di spremere il tubetto o aprire il barattolo, quindi coraggio ce la puoi fare, io credo in te!

Che altro aggiungere a quanto ho già scritto? E’ una saponetta molto originale ed efficace, che profuma dal primo lavaggio fino all’ultima scaglia, è un prodotto hand made in Florence che ti farà fare un figurone se scegli di regalarla, ma ti regalerà una emozione ad ogni uso anche se scegli di tenerla per te.

E quindi perchè sei ancora qui invece di bussare alla vetrina di Chiara?

Anzi a proposito di sapone, mi piacerebbe molto capire per quale motivo youtube non considera un contenuto particolarmente offensivo e che istiga alla violenza, quello dei video della gente che fa a pezzi povere ed innocenti saponette.
Ma mi domando e chiedo dove andremo a finire di questo passo, quando è considerato “rilassante” vedere una tizia completamente sconsiderata che taglia a casaccio prezioso sapone senza uno scopo, dove vanno a finire poi tutti quei pezzetti e scaglie, li sprechiamo?

Rabbrividisco al solo pensiero, ma se vuoi unirti al mio #teamsalviamoilsapone, è chiaro ed evidente che sei la benvenuta, soap rulez!!  😉

CIAO!
Francesca


Rispondi a Elena Annulla risposta

2 commenti su “Saponetta artigianale “Petunia Soap” : EKLEKTIKA SAPO

  • Saponetta artigianale "Petunia Soap" : EKLEKTIKA SAPO Elena

    Oh che cosa carina! Non avrei mai pensato che anche le saponette potessero diventare una forma d’arte e invece guarda che meraviglie mi fai scoprire! 😍😁

    • Saponetta artigianale "Petunia Soap" : EKLEKTIKA SAPO Francesca L'autore dell'articolo

      Eh si, io sono poco obiettiva ma le saponette artigianali hanno davvero una marcia in più! Chiara poi è una artista nella vita e questa esperienza e competenza inevitabilmente si sono trasferite nei suoi meravigliosi saponi, è quasi un peccato usarlo…. 😀