Lux light essence viso : ETEREA

Lux light essence viso : ETEREA 4


Ahhhh come se non ti vedessi con l’espressione corrucciata di chi sta pensando “adesso arriva questa? Con un prodotto che ormai conoscono tutti e di cui non c’è più nulla da raccontare?“.
Ed in parte, lo sappiamo bene, avresti anche ragione ma visto e considerato che mio malgrado devo provare a spingere avanti una vita, la quale risulta prioritaria rispetto a pubblicare 40 post su instagram al giorno, tu pensi che questo mi fermerà?

GIAMMAI.

Ed oggi infatti, in tutto il suo splendore pieno di ritardo nei confronti dell’uscita, ti parlerò gioiosamente di un prodotto che per me è stato il primo del suo genere, ovvero le essence viso.

Per dare il giusto risalto ad una tipologia così nuova di trattamento, ho scelto di puntare in alto, ma che dico in alto, di puntare verso l’infinito ed oltre scegliendo uno dei marchi top level del mercato della cosmesi biologica, a cui mi sto lentamente affezionando, un prodotto alla volta.

Lentamente non per la qualità offerta, ma per la mia dannata povertà galoppante.

Ad ogni modo, eccolo qui in tutta la sua sinuosa confezione.

Bianca e lucida.

Qui devo aggiungere un appunto importante, io non le so fare le foto, ok?
Vi prego venitemi incontro con dei prodotti quadrati, neri opachi e con scritte a contrasto, perchè io mi impegno intensamente per ogni scatto, questo ve lo posso garantire, ma mi tocca chiamare in causa ogni volta traghettate di santi per cercare di rendere almeno leggibili le etichette e non è nemmeno scontato che alla fine raggiunga almeno quel risultato.

Abbiate pietà di una self (quasi) made (non ancora) photographer, grazie.

Tornando a noi, ammetto che mi incuriosiva da tempo l’idea di approcciarmi ad una routine viso diversa, sia chiaro che io sono una persona che già adora le acque floreali nelle quali mi ci immergerei all’istante, oltre ai tonici benchè di questi ultimi abbia dovuto gestire amarissime delusioni, ma l’essence è qualcosa di diverso, qualcosa di più.

La prima cosa che ho potuto notare è la sua texture, ad una prima rapida occhiata potrebbe sembrare banalmente liquida ed invece sulla pelle si percepisce una fluidità più consistente quasi come un siero, pur rimanendo incredibilmente leggero e di facile assorbimento in tutte le stagioni, nonostante la mia pelle mista e notoriamente indecisa.
Ne è sufficiente una quantità davvero minima, dopo aver fatto vari tentativi il mio optimum è applicarne quattro gocce massaggiandole delicatamente sul viso con le mani, pulite mi raccomando, non è carino per niente spalmarsi batteriosità di vario genere in faccia.

Non è da escludere che tu possa preferire la scelta di un dischetto a discapito delle mani per questa operazione, nel consigliarti di passare a quelli lavabili qualora tu sia ancora ancorata alla preistoria con le versioni usa e getta, posso dire che ho fatto vari tentativi con i pads, ma non ne ho gradito i risultati come invece è successo pelle su pelle.
Inutile dire che personalmente il controllo del massaggio con le mani è tutt’altra storia, a livello sensoriale non ci sono paragoni nel poterne modulare l’intensità sul viso mantenendo delicatezza e padronanza insieme, sfregare un dischetto mi pare sempre un po’ anonimo e questo senza contare il fatto che inevitabilmente è necessario utilizzare più prodotto del normale, di cui una parte andrà tra l’altro in beneficenza al tessuto non così bisognoso di idratazione.

Ha una fragranza floreale con delle note talcate, mi ricorda l’acqua di rose bulgare che ha quel sentore lievemente legnoso ed audace, probabilmente il mix di ingredienti di Eterea ha portato a questa profumazione decisa ma comunque evanescente, non risulta infatti eccessiva da “indossare” e si perde nei trattamenti successivi, inoltre non essendo di derivazione sintetica ma esclusivamente dovuta alle acque floreali contenute, ha un approccio ancora più delicato e rispettoso anche verso le pelli particolarmente sensibili.
Ho scelto di utilizzarla con costanza mattina e sera senza intervalli e mi ha offerto sempre il meglio, anche quando una pelle già di suo problematica ed imperfetta si impegnava a fare i peggio capricci per cause ormonali, di stress o entrambe.

Si allo spoiler, io vorrei già dirti che avevo piena fiducia nei risultati avendo intravisto la lavanda tra gli ingredienti, io e lei ci capiamo sempre al volo nelle questioni di faccia.

Anzi, io direi che possiamo dedicarci proprio all’INCI, per farci trasportare nella ricchezza di ciò che rende questo prodotto realmente essenziale :

lavandula angustifolia flower water*, chamomilla recutita flower water*, centaurea cyanus flower water*, glycerin, aqua, sodium hyaluronate, glycerin*, actinidia chinensis fruit extract*, glycirrhiza glabra root extract*, trehalose, urea, hydrolyzed rice protein, hydroxyethylcellulose, panthenol, sodium PCA, hydrolyzed wheat protein, inositol, potassium sorbate, sodium benzoate, citric acid, ascorbic acid, benzyl alcohol, phytic acid, sodium levulinate, sodium anisate. (*= da agricoltura biologica)

Lei è proprio lì a dare il passo, capofila di un esercito di ingredienti meravigliosi, la lavanda è una manna dal cielo per la mia pelle, è davvero raro che un prodotto che la contiene in quantità così elevate possa deludermi ed il fatto che sia stata scelta la sua versione più pregiata, ovvero quella angustifolia che è considerata officinale grazie al suo potere antibatterico, levigante, astringente ed antinfiammatorio, ha sortito effetti già dalle prime applicazioni.
E’ contenuta come idrolato e non come olio essenziale (lavandula angustifolia flower water) diciamo che ho apprezzato questa scelta che permette anche ai visi intensamente sensibili e di facile arrossamento, di poter gioire di questo trattamento.

Ha superato per mesi la prova ciclo, no dico, serve forse aggiungere altro??

A ruota sono presenti anche gli idrolati di camomilla e fiordaliso (chamomilla recutita flower water, centaurea cyanus flower water), conoscevo già la camomilla grazie all’idrolato de La Saponaria, anche lei piace molto alla mia pelle ed i suoi effetti benefici nei confronti della pelle impura ma sensibile si sono dimostrati anche in questo caso molto preziosi, il fiordaliso invece come idrolato mi manca, credo di averlo utilizzato in qualche prodotto occhi e probabilmente è la sua veste più conosciuta, ma non è un fiore che limita le sue capacità a questo, garantisce infatti idratazione alla pelle assetata, ne preserva la giovinezza grazie all’azione antiossidante e decongestionante, insomma un vero toccasana che sta sparendo dai campi di grano perchè considerato una erbaccia.

Erbaccia sarai tu e 24 tuoi parenti!

Quando penso a quale spreco immane crea una produzione incontrollata, fatico davvero tanto a comprendere i motivi di una economia che spinge ad eliminare piuttosto che preservare, come se gli equilibri attuali non fossero già abbastanza precari, dobbiamo metterci anche del nostro per rendere le cose ancora più ardue per la natura.

Piccolo pensiero a parte, sul quale non potevo evitare di fermarmi un attimo a riflettere, possiamo procedere con i componenti successivi come la glicerina, che è presente in due punti diversi della formula e di certo non sono io l’esperta che può offrire motivazioni valide per questa scelta, ma poco dopo appare il nostro valoroso compagno d’armi che con la sua potenza idratante e rigenerante affronta i cedimenti cutanei ridonando vigore ai tessuti, lui, l’unico e inimitabile acido ialuronico (sodium hyaluronate).
Anche se sappiamo che il tempo non si fermerà quindi curiamoci, amiamoci ogni singolo giorno ma cerchiamo di affrontare anche la vita col sorriso senza doverci affannare alla ricerca di miracoli, così a occhio se vai a Medjugorie con le rughe, torni comunque con le rughe….

Sai che altro estratto è presente poi? Quello di kiwi (actinidia chinensis fruit extract), che mai avrei riconosciuto nel suo nome botanico ma che ci riserva un interessante apporto antiage, amplificato anche dalla liquirizia che possiamo incontrare subito dopo (glycirrhiza glabra root extract) tra l’altro mio personale peccato di gola nella sua forma purissima in scaglie oppure come goduriosa tisana.
Successivamente troviamo anche l’urea, elemento versatile per la pelle che in base alla concentrazione può apportare enorme beneficio su cute secca e disidratata, oppure andare ad agire sugli ispessimenti della pelle rinnovando le cellule e donando morbidezza, insieme a lei le uniche altre due cose che posso riconoscere sono le proteine di riso e grano (hydrolyzed rice protein, hydrolyzed wheat protein) queste ultime famose più forse per i capelli ma decisamente ottime in combinazione con il riso per trattare le pelli mature.

Penso non ci sia molto da segnalare in termini di attivi che compongono il prodotto, mi sembra piuttosto evidente che non siamo di fronte ad una boccetta di acqua e tracce infinitesimali di altro, parliamo comunque di una fascia di costo alta che ritengo ben bilanciata dai risultati, tieni conto che la confezione contiene 100 ml di prodotto ed ha un prezzo di 25,00 € (io l’ho acquistata QUI) ma usandone solo poche gocce al giorno offre una durata veramente pazzesca, tramutandosi rapidamente in un investimento importante ma decisamente duraturo.

Anzi, posso dire che solo l’erogatore non mi ha convinta?
Ha quel tipico tappo a botola che personalmente odio, ma considero in questo specifico caso anche poco funzionale, un contagocce sarebbe stato più agile ed efficace secondo il mio modesto parere, eviterebbe gli sprechi di prodotto permettendo di dosarlo in maniera precisa ed eventualmente di applicarlo direttamente sul viso con meno passaggi intermedi, preservando la purezza degli ingredienti dalle contaminazioni o più banalmente dall’essere assorbiti dalle mani o dagli strumenti che si sceglie di utilizzare.

Ad ogni modo, non posso che unirmi alla schiera di entusiaste utilizzatrici di questa essenza, nel vero senso della parola, apporta una morbidezza al viso veramente invidiabile levigando la pelle e donandole un aspetto sano, fresco e posso dire che in parte contrasta anche l’eccessiva produzione di sebo, bilanciando ciò che la detersione ha tolto e restituendo idratazione e compattezza.
Non ho percepito una variazione in termini di presenza di punti neri o riduzione drastica dei pori dilatati, ma c’è da dire che non è questa la funzione che si prefigge e che ho quindi cercato altrove, tuttavia riesce a lenire gradevolmente i rossori delle imperfezioni che spuntano random in prossimità del ciclo, e questo direi che è assolutamente positivo.

Per puro caso ho scelto i tulipani per questa foto, ma dopo aver terminato ed amato questo prodotto penso di poter dire che in verità i tulipani rapprestano perfettamente i risultati che offre, hai presente le loro foglie carnose e croccanti ed i petali turgidi e lisci?

Ecco, quella è l’azione che offre anche sulla pelle.

Sempre per questione di danari non ho (ahimè) potuto scegliere di abbinarlo agli altri prodotti della linea LUX, ma posso solo immaginare quali mirabolanti effetti possa avere un trattamento prolungato e costante in cui ogni singola fase, dalla detersione in poi, venga affidata ad Eterea.
E comunque rimane sempre fiduciosa e determinata la mia speranza di poter scoprire qualche altra rara perla cosmetica come questa, magari spaziando tra le altre linee del marchio.

A presto!
Francesca


Rispondi

4 commenti su “Lux light essence viso : ETEREA

  • Lux light essence viso : ETEREA Elyqueen88

    Ciao Francesca,
    anche io mi sono approcciata tardi a questo marchio precisamente….ora! Ed anche io ho la essence e altre cosine del marchio per una bella skincare…si mi sono fatta tentare con acquisti dilatati nel tempo eh cioè ho iniziato forse a maggio/giugno a prendere qualcosa..mi ha sempre attirato tantissimo Eterea! Spero anche io di avere i tuoi stessi benefici, a presto! 🙂
    &ly

    • Lux light essence viso : ETEREA Francesca L'autore dell'articolo

      Con prodotti come questo penso di poter dire che vale proprio io detto “meglio tardi che mai”! Io adoro gli idrolati, ma questo è un prodotto di lusso molto diverso, si percepisce proprio che lavora in maniera diversa, la pelle diventa vellutata e morbidissima, sono rimasta quasi scioccata 😅
      Spero davvero che possa diventare anche il tuo prodotto scoperta top 😉

    • Lux light essence viso : ETEREA Francesca L'autore dell'articolo

      Beh meglio tardi che mai no?
      Ma la mist è finita in 20 giorni perché è il prodotto più meraviglioso del mondo che non riesci a smettere di spruzzare, o perché è una confezione piccolissima? 🤔
      Io ho adocchiato un paio di sieri che mi ispirano veramente in maniera imponente 😍