Sali da bagno "Dreamy mineral soak" : MOA - Magic Organic Apothecary

Sali da bagno “Dreamy mineral soak” : MOA – Magic Organic Apothecary


Coscienza : “Guarda che non ci stai nella vasca.”
Francesca : “Ma se metto un pezzo di gamba fuori, piego tutto il ginocchio e tengo il braccio sopra il rubinetto, ci sto benissimo.”
Coscienza : “Come vuoi, io i vigili del fuoco per tirarti fuori da lì non li chiamo, quindi pensaci bene prima di fare idiozie.”
Francesca : “Modalità snodabile Lego : ATTIVATA
Coscienza : “Io mi giro, questo è uno spettacolo al limite tra il demenziale e l’esilarante, preferisco non guardare.”
Francesca : “Meglio se tieni a portata di mano una saponetta, se mi incastro provo ad auto-sgusciare fuori dalla vasca con la schiuma….”
Coscienza : “Ossignorebenedetto, io ti disconosco!”
Francesca : “Embhè un piano di riserva è sempre bene averlo, sono previdente e non ti va bene nemmeno questo.”

In ogni caso vorrei rassicurare te, o viandante che passando leggi queste mie assurdità, che non ho alcuna lussazione, escoriazione, ematoma, osso rotto e dispongo ancora della quasi piena funzionalità di tutti i miei arti.

FRANCESCA 1 – VASCA 0

Ammetto, qualora ti fosse in parte sfuggito, che non sono pratica e nemmeno particolarmente amante della vasca da bagno, è di sicuro un rito incredibilmente rilassante ed in un certo modo concede anche un interessante risvolto riflessivo, ma la quantità di acqua che si è costretti ad utilizzare per immergersi a sufficienza non è cosa che si può trascurare con facilità, e sappiamo tutti fin troppo bene che con l’acqua non si può e non si deve scherzare.
Però i sali da bagno mi attirano sempre con magnetismo irresistibile, sarà perchè ho una sensibilità notevole ai profumi ed in genere i sali sono arricchiti di ottimi oli essenziali, sarà perchè apprezzo il fatto che si possa diminuire la produzione di schiuma, sarà…. che sarà, che sarà, che sarààààà che saràààà della mia vita chi lo saaaaaaaa ma ho ceduto all’acquisto di questa busta profumatissima targata MOA.

Ti dico subito, smorzando ed uccidendo con un colpo secco di katana il tuo spirito positivo d’acquisto, che siamo di fronte ad un vero e proprio lusso, di certo non un prodotto che si insinua con facilità in tutte le tasche; io ho potuto usufruire dei gigaliardi di euro che sto guadagnando con l’affiliazione, ma la confezione da 400 gr costa comunque 30 €.

30 €
😐

E’ difficile fare dei paragoni del tutto onesti con altri prodotti, ci sono sali da bagno arricchiti di particolari elementi anticellulite, ad esempio, che a parità di peso costano circa 1/3, altre versioni da mezzo chilo costano pochi euro ma contengono coloranti e profumi di sintesi molto volatili e potenzialmente allergizzanti, specie su pelli particolarmente sensibili, volendo considerare il solo sale rosa da un chilo, lo si può acquistare nella grande distribuzione a circa 4 € perciò non voglio trovare scusanti di sorta, questi sono decisamente sali ricchi, per ricchi.

Direi che si adagiano automaticamente nella rubrica coccole lussuose per due motivi :

  • il prezzo : sprechiamo una ovvietà aggratis, però è chiaro che il costo di questo prodotto può far impallidire molti consumatori, MOA è un marchio di alto livello nel settore cosmetico green-oriented, propone una linea molto lussuosa ed anche i suoi sali da bagno ne confermano il trend;
  • gli ingredienti : penso che ormai quasi tutti abbiamo imparato a farci delle domande quando siamo di fronte ad un acquisto, talvolta il prezzo copre più i costi di marketing che non la qualità del prodotto stesso, ma questo non è decisamente il caso. La formulazione è totalmente naturale, compresa la fragranza che è ottenuta con l’impiego esclusivo di oli essenziali dalle molteplici proprietà benefiche sia per la pelle, che per la mente.

Anzi, sai che cosa ti dico?
Soffermiamoci subito qualche minuto sull’INCI :

Maris sal, sodium chloride, zea mays powder*, lavandula hybrida oil, pinus sylvestris leaf oil, elettaria cardamomum oil, citrus limonum peel oil, achillea millefolium oil, citral**, geraniol**. (*= da agricoltura biologica) (**= naturalmente presente negli oli essenziali)

Non conosco con precisione quali siano le politiche applicate nel Regno Unito per riportare gli ingredienti nei prodotti cosmetici, su alcuni saponi e burrocacao (acquisti che di certo da me non ti saresti aspettata…) ho visto descrizioni un tantino diverse da quelle a cui sono abituata, questo spiegherebbe il motivo per cui il sale rosa dell’Himalaya non è indicato in maniera specifica nella lista, ma è comunque indicato sul fronte della busta oltre ad essere presente e ben visibile nel prodotto, lo intravedi anche un pochino nella foto qui sopra, benchè non sia il soggetto principale a fuoco, i grossi grani dal tipico colore rosato sono subito riconoscibili.
Questo prodotto è per la maggior parte composto, appunto, da sale marino e da sale rosa, entrambi hanno ottime capacità purificanti e disinfettanti per la pelle, ma l’aggiunta della versione Himalayana è un tocco rimineralizzante davvero piacevole che regala al corpo una sensazione di profondo benessere, oltre a concedere quella che ammetto essere una discreta capacità di tonificare la pelle.

Subito dopo è presente quella che in etichetta è indicata come “polvere di mais” (zea mays powder), senza alcuna specifica motivazione o competenza io presumo che si possa trattare di amido di mais, utilizzato moltissimo in cucina ma anche nella cura della persona vista la sua delicatezza nei confronti della pelle sensibile ed irritata, se fosse davvero solo mais polverizzato si tratterebbe sostanzialmente di farina gialla per la polenta, e ti pare che da buona padovana non l’avrei riconosciuta?
In rapida successione si presentano poi tutti gli oli essenziali che caratterizzano l’intensa e fantastica profumazione di questi sali :

  • lavanda
  • pino
  • cardamomo
  • limone
  • achillea

L’achillea (achillea millefolium oil) è l’ingrediente fondante dell’intera linea MOA, è presente credo in tutte le referenze sia per la forte presenza e diffusione di questa pianta nel territorio, che grazie alle sue caratteristiche benefiche per la pelle come cicatrizzante, lenitivo ed antibatterico a cui si aggiungono i poteri balsamici e rilassanti di lavanda e pino (lavandula hybrida oil, pinus sylvestris leaf oil) e quelli rigeneranti e frizzanti di cardamomo e limone (elettaria cardamomum oil, citrus limonum peel oil).

Non entro nel dettaglio dei singoli oli essenziali perchè non ti so dare una precisa e distinta descrizione delle qualità, ma di sicuro ti posso dire che cosa ne pensa il mio naso che a stento sono riuscita a trattenere quando ho aperto il sacchetto.
La fragranza è senza dubbio uno dei punti forti di questi sali da bagno, potente e tutt’altro che scontata è un crescendo che inizia con note erbose e fresche per passare poi ad un equilibrato mix balsamico in cui si susseguono l’intensa e fiorita lavanda ed il boschivo e legnoso pino, con un fondo caldo e lievemente speziato sostenuto da limone e cardamomo, spezia che ho già incontrato in alcune miscele di the e che ricorda un po’ gli agrumi nella profumazione.
Aspettati di riempire completamente la stanza di questa complessa e riappacificante fragranza, un paio di cucchiai nella vasca da bagno ti garantiscono il piacere di un lungo e ristoratore bagno aromatico da vivere finchè l’ultimo granello di sale si sarà completamente sciolto, ed oltre.
Respirare a pieni polmoni il profumo deciso di questo prodotto libera la mente e rilassa il corpo, devo dire che non è male nemmeno per cercare di arginare i primi sintomi del raffreddamento vista la sua energia balsamica, che penso dovresti annusare anche se non ami particolarmente le classiche profumazioni balsamiche come menta, pino ed eucalipto, perchè in questo caso sono state affiancate altre essenze che stemperano un po’ la tipicità vigorosa del pino lasciando spazio anche a note dolci, agrumate e floreali.

Personalmente ho fatto solo un paio di bagni con questi sali, non mi sono incastrata in quei casi e non mi sembrava opportuno sfidare la sorte, però ho apprezzato molto la sensazione di profondo benessere che infonde il rilassante aroma, perfetto dopo una intensa giornata di lavoro, la palestra o semplicemente per alleviare lo stress, inoltre il sale rosa è ricco di oligoelementi che aiutano a rimineralizzare la pelle e questo significa che un bagno di 20/30 minuti ti donerà una pelle piacevolmente profumata, rigenerata e morbida, contrariamente a quell’aspetto grinzoso ed arido che ci si potrebbe aspettare da un simile trattamento.
Ammetto che è difficile notare una concreta azione tonificante anticellulite, specie con un utilizzo molto saltuario come nel mio caso, ma non escludo che ciò possa avvenire con l’uso costante, tra l’altro il sale rosa si presta molto bene anche per tonificanti scrub ed impacchi anticellulite se usato con un olio vettore, ma come puoi notare dalla foto sotto, la consistenza del prodotto non è comoda per questo genere di destinazione d’uso essendo in cristalli molto grandi, che rendono poco agevole sia il massaggio che un eventuale impacco.

Considerando che non produce alcun tipo di schiuma lo si può utilizzare con tranquillità anche nelle vasche idromassaggio, è sconsigliato il risciacquo dopo aver fatto il bagno, limitati a tamponare con un asciugamano la pelle così da poter beneficiare interamente delle proprietà del sale rosa e lasciarti avvolgere da una profumata nuvola, ma evita questo genere di prodotti arricchiti di oli essenziali durante la gravidanza, non sono di certo l’esperta del caso ma anche nel periodo dell’allattamento forti odori potrebbero infastidire il tuo mini-umano, perciò chiedi consiglio al medico o pediatra sulle scelte suggerite in termini di cura del corpo, così da evitare rischi e complicazioni.

Nella maggior parte dei casi ho scelto di usare i sali nell’idromassaggio plantare, una vaschetta che produce una miriade di bollicine e che si può acquistare a prezzi davvero economici, il sale aiuta a combattere piccole infezioni, lenisce ed allevia la stanchezza, il massaggio stimola la circolazione donando un sollievo notevole a caviglie e gambe, mentre la potenza degli oli essenziali riequilibra la mente donando un senso di relax intenso.
Puoi comunque scegliere di ricreare la tua personale home SPA anche se disponi solo della doccia, ti sarà sufficiente prendere un recipiente riempito d’acqua bollente (possibilmente da mettere in qualche angolo in cui non rischi di ustionarti) nel quale versare uno o più cucchiai di sali, si sprigionerà rapidamente la fragranza in tutto il bagno e l’aromaterapia è servita.
Quando l’acqua avrà raggiunto una temperatura più accettabile e sicura, puoi riutilizzarla per effettuare un ultimo risciacquo del corpo, in una sorta di benefico bagno verticale.

Io amo i profumi, e non sono rimasta affatto delusa dalla combinazione scelta per i sali da bagno di MOA, sono un piacere multisensoriale che mi ha soddisfatta in pieno e che ti consiglierei come coccola distensiva quando desideri concederti un momento di puro relax, eventualmente da condividere con qualcuno di meritevole se disponi di una vasca adeguatamente accogliente, al mondo piace l’amore e se questo evita di sprecare acqua, gli piace pure di più.

Se hai solo 8 minuti al giorno in cui devi farti la doccia, asciugarti i capelli, vestirti, fare colazione, lavarti i denti e partire, è quasi inutile che scegli questo genere di approccio lavante, perchè il beneficio degli oli essenziali è nemico della fretta e serve necessariamente un po’ di tempo da regalarsi per poter davvero raggiungere un minimo di pace, o quantomeno poterla scorgere all’orizzonte, non credo che sia particolarmente sensato il fatto che tu investa decine di euro in un prodotto (ottimo, eh?) che però non ti puoi godere a sufficienza.

Qualora invece tu sia convinta di volerti immergere in una fragrante vasca, puoi trovare QUI la pagina dedicata a questi sali da sogno, che come ti ho spiattellato all’inizio costano 30 € per una busta da 400 gr richiudibile in carta accoppiata scura che ne preserva la qualità, evitando di far penetrare l’umidità e nel contempo fuoriuscire gli oli essenziali, garantendoti (se ben chiusa tra un uso e l’altro) di poter avere lo stesso intenso profumo dal primo all’ultimo granello.

Ora mi domando, solo io sono una annusatrice seriale che trattiene il respiro per cercare di cogliere tutte le sfumature delle fragranze? E che mi dici dei sali, sono utili solo per cucinare la pasta o li scegli anche come complemento di bellezza?

Grazie, ciao!
Francesca

Rispondi